The truth is on your stereo

Artist: Noel Gallagher's High Flying Birds

Song: The Girl With X-ray Eyes [Intro] Am Ammaj7 Am7 Am6 Fmaj7 C E [Verse 1] Am E Tried to hang on to myself Bb Don't believe in no-one else Am And I'm shakin' like a leaf Ab as I fall into the street Gm But the girl with X-Ray eyes, F she's gonna see through my disguise [Verse 2] Am E Going nowhere down a hill, Bb It's hard to swallow, like the pill Am that was twisted on your tongue Ab by the seed of the standing still Gm There was no-one to be seen, F no-one left to hear my scream... [Chorus] E E/G# Am So she took me by the hand Am/G F We followed clues left in the sand C as she swallowed space and time E We gathered, pulled, and swam E/G# Am She shot me to the sun, Am/G F like a bullet from the gun... C When the deed was done, E in the morning she was gone [Interlude] Am Ammaj7 Am7 Am6 Fmaj7 C E [Guitar Solo] Am E Bb Am Ab Gm F [Verse 3] Am E Turn the page and let it go Bb like your mother told you so Am Life, it stretches on for miles Ab The truth is on your stereo Gm The girl with X-ray eyes F she's gonna see through your disguise [Chorus] E E/G# Am So she took me by the hand Am/G F We followed clues left in the sand C as she swallowed space and time E We gathered, pulled, and swam E/G# Am She shot me to the sun, Am/G F like a bullet from the gun... C When the deed was done, E E/G# in the morning she was gone [Outro] Am Ammaj7 Am7 Am6 Fmaj7 C END +--------------------------------------------------------------------------+ | This file is the author's own work and represents their interpretation | | of the song. You may only use this file for private study, scholarship, | | or research. | +--------------------------------------------------------------------------+ Ultimate-Guitar.Com © 2017

Rime con torte.

E’ domenica mattina e sto cercando di non fare rumore.

A te piace dormire e per questo che ti lascio sognare.

Anche se dormi dodici ore, dal tuo volto traspare delusione.

Continua a dormire amore mio, riprenditi le coperte che ti rubo la notte, prima che una volta sveglia mi riempi di botte.

Voglio dimostrarti che sono capace di scrivere canzoni e di essere un uomo audace ma tu appena sveglia mi dai del batrace.

Continua a dormire amore mio, riprenditi le coperte che ti rubo la notte, e perdona queste mie rime contorte.

Antonio Conte Capitano

Ma io mi ricordo anche l’anno scorso. Dicevate le stesse cose, poi ve le dimenticate: il problema è questo.
L’anno scorso parlavate benissimo dell’Inter quando ci ha battuto qua e sembrava a tutti che fossero dei fenomeni in tutto e poi alla fine la Juventus ha vinto lo scudetto.
Quest’anno siete ripartiti di nuovo in pompa magna, giustamente, parlando di altre squadre che sono davanti alla Juventus.

Ma noi siamo sempre là ehhhhh. Questa è la forza.Noi siamo sempre là ed è dura eh, ed è dura. Ed è dura. Molto dura. Per tutti, per TUTTI è dura. Per tutti.” (.cit Antonio Conte)

A presto amico mio

Voglio ricordarlo mentre si lanciava giù dal divano nelle mie braccia, con quel suo solito sorriso che aveva tutte le volte che commetteva una qualche marachella.

Voglio ricordarlo mentre si aggirava intorno a tutti i bambini solo per rubargli di soppiatto quello che stavano mangiando. I gelati, le patatine, la focaccia.

Voglio ricordarlo correre a perdifiato mentre gli tiravo un sasso “finto”, voglio dire, non avevo nulla in mano, e lui lo sapeva ma, correva lo stesso.

Voglio ricordarlo sedersi a fianco al tizio seduto in collinetta e mentre il tizio guardava da un altra parte lui gli beveva dal bicchiere.

Voglio ricordarlo sedersi su una panchina quando non aveva voglia di tornare a casa.

Voglio ricordarlo sotto la mia scrivania mentre ero al computer. Voglio ricordarlo dietro la porta al mio ritorno a casa.

Voglio ricordarlo seguirmi in ogni angolo della casa.

Voglio ricordarlo mentre tutti si lamentano del suo essere unico al mondo.

Voglio ricordarlo mentre mi fissa in attesa di un mio cenno.

Voglio ricordarlo cercare il suo gioco dopo avergli detto che andavamo a fare un giro.

Voglio ricordarlo mentre seduto sul marciapiede, pisciarmi sulla schiena.

Voglio ricordarlo mentre mi aspettava fuori dal bagno.

Voglio ricordarlo mentre al ritorno dalla passeggiata chiedermi il biscotto.

Voglio ricordarlo chiedermi il secondo biscotto.

Voglio ricordarlo cercare la Micia.

Voglio ricordarlo con la testa appoggiata sul divano.

Voglio ricordarlo accucciarsi vicino a me mentre il mondo mi crollava addosso.

Voglio ricordarlo in auto allungare il muso alla ricerca di un poco d’aria.

Voglio ricordarlo seguire la Nenna e rubarle i giochi.

Voglio ricordarlo stare sul cazzo ai vicini mentre abbaia al parco.

Voglio ricordarlo mangiarmi la cena di soppiatto.

Voglio ricordarlo piegare la testa nel tentativo di capire mentre parlavo.

Voglio ricordarlo abbaiare come un matto ad ogni gol della Juve.   Quanto ci siamo divertiti eh Bobby?

Voglio ricordarlo mentre ci dividevamo i pistacchi.

Voglio ricordarlo salire sulla sedia e sorprendersi in un impeto di frenesia.

Voglio ricordarlo con quella coda in continuo movimento.

Voglio ricordarlo seduto sulla panchina quando non aveva voglia di ritornare a casa.

Voglio ricordarlo anche se vecchio e dolorante fare una fatica immane per seguirmi in ogni angolo della casa, e alla fine vedendo che non ci riuscivi prendevo la cuccia con te dentro e ti portavo con me.

Ma di una cosa sono certo, questo rimorso non me lo dimenticherò mai. Avrò fatto la cosa giusta per te?
Non per me. Per te.