Il caldo morde e lui spara al cane.

M.M, un operaio di 47 anni di origine calabrese ma trasferitosi in Veneto in età adolescenziale, mentre era al passeggio con il suo cane di nome Oddog, un cane meticcio di 10 anni e sentitosi sopraffatto dai morsi del caldo africano di questi giorni, ha tirato fuori dal suo zaino, un Invicta, con una comoda tasca laterale dove puoi comodamente riporre un telefono oppure una pistola, ed ha fatto fuoco sul cane ferendolo al garrese.

I passanti hanno subito accerchiato l’operaio calabrese spintonandolo e bloccandolo, solo l’arrivo della polizia locale lo ha salvato dal linciaggio.

Oddog è stato subito curato dal veterinario del paese ed è stata avvertita l’Enpa, che ne ha disposto l’adozione. Si cercano volontari per uno stallo.

Il M.M si è giustificato dicendo che sentiva i morsi del caldo e ha pensato fosse stato il cane. ” E’ stata legittima difesa e ormai si era fatto buio” le sue ultime parole prima di essere portato in caserma per gli accertamenti del caso.

L’operaio calabrese è stato denunciato per maltrattamenti e porto d’armi abusivo.

 

In auto

Alla radio parlavano di saggi scolastici.

Her: tu hai fatto il saggio?

Him: sí, ho detto tante cose intelligenti.

Her: allora hai fatto il vecchio…

Al supermercato 

Her: I biscotti li hai presi?

Him: Ma mi hai detto di lasciarli giù

Her: No no ti ho detto di prendere quelli… cacao e zucchine.