Procedura per le dimissioni volontarie

Sulla Gazzetta Ufficiale del 19 febbraio 2008, n. 42 è stato pubblicato il decreto del 21 gennaio 2008 con cui il Ministero del Lavoro ha adottato il modulo informatico per la presentazione delle dimissioni volontarie, che a partire dal prossimo 5 marzo 2008 dovranno essere inviate on line al Ministero del Lavoro attraverso lo specifico modulo informatico allegato al decreto interministeriale.

Una copia cartacea del modulo trasmesso, dovrà essere consegnata al datore di lavoro, che provvederà a fare la comunicazione al Centro per l’ impiego. Non potranno essere accettate le dimissioni presentate in modo diverso.

La procedura di comunicazione delle dimissioni è la seguente:

  1. il lavoratore dovrà registrarsi presso il sito del Ministero del Lavoro (o darà la delega al soggetto delegato che compilerà e invierà per suo conto la comunicazione);
  2. il lavoratore (o il soggetto da lui delegato) dovrà compilare on line il modulo;
  3. il lavoratore (o il soggetto da lui delegato dovrà inviare on line il modulo;
  4. il lavoratore dovrà stampare il modulo e consegnarlo al datore di lavoro.

Per l’esecuzione della procedura sopra descritta, il cui mancato rispetto comporta la nullità delle dimissioni, il lavoratore potrà farsi assistere dai soggetti delegati quali le Direzioni Provinciali del Lavoro, le Direzioni Regionali del Lavoro, i Centri per l’Impiego, i Comuni e Sindacati e Patronati.

In deroga a quanto indicato nel decreto del 21 gennaio 2008 la procedura di comunicazione delle dimissioni è la seguente
a) il lavoratore deve compilare il modulo delle dimissioni (scaricarlo da sito del Ministero o chiederlo al soggetto intermediario)

b) deve recarsi, per la convalida delle dimissioni presso uno dei soggetti intermediari che sono:

  • Direzioni Regionali del Lavoro
  • Direzioni Provinciali del Lavoro
  • Centri per l’Impiego (uffici di collocamento)
  • Comuni
  • Organizzazioni Sindacali dei lavoratori
  • Patronati

indipendentemente dal luogo di residenza o di lavoro

  • c) consegnare il modulo convalidato al datore di lavoro.
  • La disciplina non si applica in caso di

  • – accordi di risoluzione consensuale bilaterali
  • – recesso unilaterale dal lavoratore durante il periodo di prova,
  • – dimissioni per giusta causa ex art. 2119 c.c;
  • – dimissioni incentivate

Con la nuova circolare n. 5130 del 25 marzo 2008, il Ministero del lavoro interviene con importanti modifiche al regime adottato dal 5 Marzo fino ad oggi.

Le modifiche apportate riguardano le modalità di invio e la data di decorrenza delle dimissioni.

Il lavoratore potrà accedere al sito ministeriale, senza necessità di recarsi presso i soggetti intermediari (DPL, DRL, centri per l’impiego o comune), registrarsi, compilare, validare e stampare il modulo da consegnare al proprio datore di lavoro.

La “data di decorrenza dimissioni” da segnalare sul modulo informatico, deve coincidere con il primo giorno da cui decorre il preavviso, non con il primo giorno di non lavoro come in precedenza indicato dal Ministero del Lavoro.