Mike, Il pollo senza testaIl 10 settembre 1945, un pollo di razza Wyandotte di proprietà di Lloyd Olsen di Fruita, Colorado (USA) visse per 18 mesi senza testa. Lloyd Olsen nutriva il suo pollo Mike direttamente dall’esofago con un contagocce. Una sera, in un motel dell’Arizona, Mike morì soffocato.

PER SAPERNE DI PIÙ

Alcuni scienziati, scettici, dichiararono che non poteva essere vero, quindi il contadino Lloyd Olsen portò Mike, senza testa già da una settimana, dal Colorado alla University of Utah di Salt Lake City. Gli scienziati scoprirono che la lama dell’ascia aveva mancato la giugulare del pollo e un coagulo aveva evitato che morisse dissanguato.

Lloyd aveva colpito così in alto con l’ascia che gran parte del tronco cerebrale era rimasto attaccato alla spina dorsale. Gli era rimasto attaccato anche un orecchio. Mike, quindi, anche se aveva perso la vista e la capacità di chiocciare, poteva ancora sentire e pensare. Non solo, cresceva anche. Quando “perse” la testa Mike pesava 1 kg e 100 gr e in seguito raggiunse il rispettabilissimo peso di 3 kg e 600 gr.

Mike divenne una celebrità quando un manager lo portò in tournée nazionale e la sua storia fu riportata dalle riviste Life e Time. Come molte altre celebrità, Mike morì in una stanza di albergo. Morì soffocato perché Lloyd non riuscì a trovare il contagocce che usava per pulirgli l’esofago. Fu la fine del clamore per “Mighty Mike”, che se ne andò, ma non fu certo dimenticato. Ogni anno, gli abitanti di Fruita celebrano una festa in onore di “un pollo grosso e grasso che non sapeva di non avere più la testa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *